Epifania

Adorazione dei Magi, Giotto. Cappella degli Scrovegni, Padova.
Adorazione dei Magi, Giotto. Cappella degli Scrovegni, Padova.
Dodici giorni dopo la sua nascita, Gesù bambino si manifesta all’intera umanità. I Magi sono arrivati finalmente al suo cospetto, seguendo la stella di Betlemme.
“Dov’è il re dei Giudei che è nato? Abbiamo visto sorgere la sua stella, e siamo venuti per adorarlo” (Vangelo di Matteo, II).
I tre astronomi (o sacerdoti zoroastriani) non hanno nulla a che fare col mondo ebraico, eppure hanno percorso centinaia di chilometri per portare i loro doni al nuovo nato, e riconoscerne così la sua magnificenza.
Nel mio presepe di bambina i Magi partivano sui loro cammelli addirittura dall’altra parte della stanza, e ogni giorno, al mio risveglio, percorrevano qualche passo verso la capanna.
Ognuno di noi dovrebbe avere la sua epifania. Mostrarsi al mondo per ciò che si è. Avere il coraggio dei propri sentimenti. Il coraggio del cuore.

 

Share This: